fbpx

sul

CORSO COUSEL COACHING BREVE STRATEGICO IN AZIONE

Milano – 25 gennaio 2020

Bari – 22 febbraio 2020

Roma 22 febbraio 2020

Cagliari – 21 marzo 2020

Arezzo – ottobre 2020

Non perdere l'occasione!

Regalati o regala un percorso formativo per migliorare la qualità della tua vita e la vita degli altri!

Offerta valida fino al 2/12!

Diventa un’esperto nell’arte di aiutare ADESSO!

00Giorni00Ore00Minuti00Secondi

    ISCRIVITI ORA









    Acquista ONLINE ADESSO!

    Corso Counseling Breve Strategico
    Corso intensivoCounsel-Coaching Strategico in azione

    Corso intensivo: Il Counsel-Coaching Breve Strategico in azione


    Un modello “esclusivo” per non rendere il cambiamento auspicabile ma farlo divenire “inevitabile”

    “Perché un bene fatto male è peggiore del male stesso”

    Partenze dei corsi : Milano – 25 gennaio, Bari – 22 febbraio, Roma – 22 febbraio, Cagliari – 21 marzo, Arezzo – ottobre 2020

     

    “Se vuoi vedere, impara ad agire”

    Attraverso il Modello di Problem Solving e le tecniche di Comunicazione Strategica si induce il nostro interlocutore a “sentire” le situazioni in modo differente e dunque a cambiare le sue reazioni, scoprendo le proprie risorse bloccate dalle percezioni precedenti. L’arte del Consulente Strategico, di fatto, è rendere le persone artefici di ciò che costruiscono e gestiscono invece che vittime di ciò che costruiscono e subiscono.

    Perché diventare un Counsel-Coach?

    Il vero viaggio di scoperta non è vedere nuovi mondi
    ma cambiare occhi” M. Proust

    Il Counselor strategico, ovvero, colui che aiuta gli altri ad aiutarsi, concentrandosi sulle modalità con cui le persone percepiscono le difficoltà, come vi reagiscono e sui tentativi fallimentari di soluzione fino al momento effettuati, guida il proprio interlocutore a scoprire nuove prospettive e lo facilita nel percorso di raggiungimento dei propri obiettivi.

    Parlare di counseling strategico vuol dire parlare di comunicazione, ogni comportamento ha valore di messaggio per un altro: “non si può non comunicare”, primo postulato della “Pragmatica della comunicazione umana”, (Paul Watzlawick et alt 1967) e non esiste un’unica realtà “vera”, ma tante realtà soggettive quanti sono i punti di vista adottabili, pertanto il Counselor Strategico decide di lavorare con quella realtà prodotto della prospettiva, degli strumenti conoscitivi e del linguaggio attraverso i quali la percepiamo e la comunichiamo (Nardone 1991).

    Per questo attraverso il Modello di Problem Solving e le tecniche di Comunicazione Strategica si induce il nostro interlocutore a “sentire” le situazioni in modo differente e dunque a cambiare le sue reazioni, scoprendo le proprie risorse bloccate dalle percezioni precedenti. L’arte del counseling strategico, di fatto, è rendere le persone artefici di ciò che costruiscono e gestiscono invece che vittime di ciò che costruiscono e subiscono.