fbpx

#NardoneLiveFacebook​: Cambiamento e responsabilità sociale d’impresa.

Cambiamento: responsabilità sociale d’impresa, sostenibilità ESG per nuovi modelli di business. Costruire il futuro con idee fuori dagli schemi! Ne ho parlato con Gianluca Parreschi già definito l’avvocato dell’innovazione!  Specializzato in diritto ambientale e attività di investimento per aziende con elevato potenziale di sviluppo (private equity) e in fase di start up (venture capital). Ci ha detto come l’innovazione debba tener conto della sostenibilità economica sapendo nel contempo coniugare il cambiamento e la responsabilità sociale d’impresa (RSI). Attualmente l’inefficienza e la politicizzazione della giustizia italiana costituiscono uno dei principali deficit di non competitività del Sistema Italia. Negoziazione assistita, mediazione volontaria e/o obbligatoria, arbitrato irrituale ed irrituale, arbitrato societario sono metodi alternativi di risoluzione, le cui chiare valenze di Sostenibilità ESG non sono al momento adeguatamente valorizzate e dunque sono erroneamente sottostimate a causa di ignoranza sistemica (circuito avvocati-giudici-imprenditori-associazioni di categoria). Bisogna evitare, laddove possibile, il ricorso alla giustizia ordinaria per risolvere le patologie dei rapporti sociali interni ed esterni: un’azienda che presenta un elevato indice di litigiosità non è Social poiché non tiene in debita considerazione la funzione sociale dell’impresa nel dare un contributo alla pace e giustizia sociale, mostrando maggiore empatia e comprensione per le ragioni “dell’altro”. Non solo elevata litigiosità equivale ad un basso profilo social, ma un’azienda impegnata in vari fronti di contenzioso giudiziario è un’impresa continuamente sotto stress, per cui l’imprenditore o il CDA debbono sottrarre tempo alla gestione per dedicarsi alle strategie processuali (con ovvi danni economici). Di conseguenza la qualità della vita aziendale viene seriamente pregiudicata a tutti livelli, dall’apicale al magazziniere, ed infine l’azienda deve sopportare ingenti spese che potrebbero essere invece evitate. Investire nella sostenibilità economica, sociale e ambientale, deve rappresentare una scelta forte e decisa per molte aziende nel post pandemia, e ricordiamoci che esistono solo 2 tipi di imprese: quelle che cambiano e quelle che scompaiono perché non sanno cambiare!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter!