fbpx

NON C’E NOTTE CHE NON VEDA IL GIORNO:
subisci o agisci il cambiamento?

 

INTRODUZIONE di M. Cristina Nardone

 

Non è la specie più forte a sopravvivere ma

quelle che si adatta più velocemente al cambiamento

 

La pandemia ci ha colti in maniera inaspettata, ha sovvertito regole, comportamenti e abitudini. Ci ha mostrato le nostre vulnerabilità emotive e la fragilità dei nostri progetti minacciando il nostro futuro. Attaccati da un nemico invisibile e fuori controllo, privi di strategie efficaci per scongiurarlo, si sono scatenate in massa le sensazioni più ancestrali di rabbia e paura.

A questo punto il compito che ci aspetta nei prossimi mesi è ricostruire l’Italia ma soprattutto ricostruire noi stessi!

Tra l’emergenza sanitaria e quella economica, infatti, istituzioni, media e aziende dimenticano che la partita decisiva si gioca al tavolo dell’emergenza umana.  

Abbiamo bisogno di uomini e donne stabili all’interno delle nostre aziende e organizzazioni, per fronteggiare la difficile situazione finanziaria. Le risorse che dobbiamo tutelare e far crescere, non sono solo quelle economiche ma soprattutto quelle umane.

“Ecco perché il riflettore va puntato su di noi, sui processi emotivi degli individui, dalla percezione e gestione del rischio a quella delle emozioni e delle relazioni: quanto prima lo comprenderemo e agiremo di conseguenza, tanto più slancio avremo nel trasformare lo stop in un trampolino per la ripartenza.”

Bombardati da informazioni, corrette o scorrette, e accomunati da potenti emozioni, col Covid stiamo vivendo come una “folla psico-emotiva”, con un’anima collettiva, come già molti studi scientifici hanno affermato. 

Già nel 1895 Le Bon nella sua opera “Psicologia delle Folle” ha ben descritto come nei gruppi fosse presente una grossa suggestionabilità reciproca con una forte esasperazione dei sentimenti e di contagio emotivo.

Mentre spiegava il comportamento della folla, Le Bon sviluppò la sua più importante nozione di “mente di gruppo”. La mente di gruppo fa sentire, pensare e agire in un modo completamente diverso da quello in cui ogni individuo si sentirebbe, penserebbe e agirebbe.

La mente di gruppo non è una semplice somma delle menti di tutti i singoli membri di un gruppo. È una mente distinta dalle menti che lavorano su diversi livelli. Il suo funzionamento si basa su emozioni, appelli, suggerimenti e slogan. I suoi atti sono meno razionali e più emotivi.

È una mente irresponsabile che focalizza la sua attenzione su un oggetto immediato. Il suo livello mentale è molto basso, diventa facilmente eccitata e agisce in modo ipnotico. È su questa premessa che le persone si comportano in modo irrazionale in una folla rispetto a quando sono da sole.

La teoria dello psicologo W. McDougall sul comportamento di gruppi non organizzati, è praticamente la stessa di Le Bon. Egli spiega che i due fenomeni centrali del comportamento della folla sono l’intensificazione dell’emozione e l’abbassamento del livello intellettuale.

McDougall spiega che maggiore è il numero di persone in cui le stesse emozioni possono essere osservate simultaneamente, maggiore è il contagio emotivo. L’individuo sotto l’influenza dell’emozione perde il potere di essere critico per sperimentare e sentire la stessa emozione. L’emozione collettiva viene intensificata ulteriormente dall’interazione reciproca.

McDougall ha descritto il comportamento della folla con le seguenti parole: < Una folla è “eccessivamente emotiva, impulsiva, volubile, incoerente, irresoluta ed estrema nell’azione, mostrando solo le emozioni più grossolane e i sentimenti meno raffinati; estremamente suggestionabile, incurante nella deliberazione, frettolosa nel giudizio, incapace di qualsiasi altra forma di ragionamento più semplice e imperfetta; facilmente influenzata e guidata, priva di autocoscienza, priva di rispetto di sé e di senso di responsabilità …. Quindi il suo comportamento è come quello di un bambino indisciplinato o è come una bestia selvaggia. >

Molte teorie sono state proposte da vari psicologi e sociologi anche in tempi più moderni per spiegare perché la folla si comporta in un modo particolare.

QUELLO SUL QUALE TUTTI CONCORDANO E CHE È IMPORTANTE SOTTOLINEARE, È CHE IL COMPORTAMENTO DELLA FOLLA È SEMPRE DETERMINATO EMOTIVAMENTE.

Le cose che accomunano tutte le persone sono emozioni così fondamentali come paura, rabbia e collera. Con queste emozioni in comune, le folle si formano, interagiscono e agiscono.

Le folle sono diventate oggetto di studio di varie scienze, oggi gli studi di psicologi e sociologi si concentrano sulla manipolazione mediatica e sui cambiamenti che il Web ha determinato nella alterazione della comunicazione.

 

“Caro lettore, abbiamo chiaro che questo È IL MOMENTO della BUONA Comunic-Azione e di acquisire nuove capacità di Problem Solving Strategico per gestire le nuove complessità delle INTERAZIONI UMANE.”

Ho proposto la mia idea ad amici e colleghi, (coach, counselor, psicologi, avvocati, etc) di CREARE UNO SPAZIO ONLINE con delle dirette su Facebook PER SOSTENERE PERSONE (di conseguenza anche aziende), nelle loro difficoltà quotidiane, per aiutarle a cambiare modo di comunicare, di usare parole che spingano verso un cambiamento e soluzioni che creino emozioni GESTITE per uscire dall’effetto folla che crea disagi, dolore, rabbia, paure.

Ci aspetta un grande sfida per creare un “nuovo modo di pensare causato dal vecchio modo di pensare”, come diceva A. Eistein, è solo nostra responsabilità individuale costruire il mondo che desideriamo, perchè Il futuro non esiste lo possiamo solo inventare!

Così, da donna pragmatica, che pensa “Non ho una fede da difendere ma risultati concreti da raggiungere” metto in gioco me stessa, le mie abilità nel tentare di gestire questo epocale cambiamento umano.

Insieme Valentina Viciani, Paolo Vocca e Argyrios Dourvas, che hanno subito colto il mio intento, condurremmo altri ospiti nelle nostre dirette Live con l’obiettivo di creare “stati emotivi percettivi di maggior benessere” quando tutto va storto, quando la complessità ci fa perdere la speranza.

Ti auguro una buona partecipazione, certa che le nozioni ed esperienze che troverai nei nostri Live-Video ti aiuteranno a vedere, sentire e percepire in modo più funzionale e con più possibili soluzioni alternative ai tuoi problemi e difficoltà quotidiane.

Perché ricorda, dalla notte dei tempi NON C’E NOTTE CHE NON VEDA IL GIORNO ed insieme possiamo trasformare, la paura e l’incertezza in coraggio!

La magia delle parole: la comunic-azione che crea

#NardoneLiveFacebook: Avere uno scopo nella vita serve? Ci limita o può trasformarsi in coraggio?

Dopo la pausa natalizia i fantastici 4 tornano in live! Ieri sera Io,  Valentina Viciani, Paolo Vocca, Argyrios Dourvas siamo tornati in diretta per un episodio dedicato a chi, ultimamente, si sente smarrito e senza uno scopo nella vita. Innanzitutto, abbiamo fatto chiarezza sulle differenze tra scopo ed obiettivo: il primo è quel qualcosa in più, una sorta di vocazione da difendere e per cui lottare. È quello che ci dà la carica per andare avanti sempre, a dispetto di tutto ciò che...

#NardoneLiveFacebook: Quando il mondo dice “rinuncia”, la speranza sussurra “prova ancora una volta”

Lo conosci il mito di Pandora? Pandora ha scoperchiato il famoso vaso liberando tutti i mali del mondo e quando è riuscita a richiuderlo, nel fondo, era rimasta solo la speranza. Il mondo era diventato invivibile, desolato e inospitale ed ha ripreso a vivere quando Pandora ha riaperto il vaso e ha fatto uscire anche la speranza. La trovi anche tu qualche similitudine con questo 2020? Cristina e Roberta, durante questa live, hanno dato consigli pratici su come allenare la Speranza. Sì...

#NardoneLiveFacebook: usare la voce per curare relazioni

Ospite della live di ieri sera è stata Franca Grimaldi, attrice, doppiatrice e vocal coach. Ci ha dato consigli e ha dispensato esercizi preziosi per imparare a gestire la voce. Mi ha ferito come lo hai detto più che quello che hai detto! Quante volte lo abbiamo sentito? Il problema principale è che molti di noi non hanno consapevolezza di quanto la voce incide sulla comunicazione. Ci facciamo caso solo quando questa viene a mancare o vacilla per emozioni che siano positive...

#NardoneLiveFacebook: Gestire i figli in pandemia.

In questo ottavo incontro abbiamo affrontato il tema “FIGLI DA GESTIRE IN PANDEMIA: COME SOSTENERLI E COMUNICARE PER OTTENERE ARMONIA E ACCORDI?” Ospite dell’incontro il Dott. Argyrios Dourvas, Sociologo, Mediatore familiare e Coach Professionista esperto in processi di comunicazione con la dott.ssa Cristina Nardone. La comunicazione è un processo complesso che, oggi, nell’era della comunicazione, soffre tantissimo in tutti gli ambiti: familiari, relazionali e lavorativi. Il dott. Argyrios Dourvas inizia con l’affermazione che “Figli si nasce, genitori si diventa”. Le domande da farci...

#NardoneLiveFacebook. Natale Blindato: tristezza, rabbia, dolore. Superarle strategicamente.

Nella puntata di venerdì 11 dicembre abbiamo affrontato un argomento molto "caldo". Natale Blindato! EMOZIONI CONTAGIATE da rabbia e dolore come gestirle? Insieme alla Dr.ssa Roberta Maldera, (psicologa e psicoterapeuta) abbiamo dato indicazioni concrete su come uscire dalle emozioni negative di tristezza, dolore, rabbia e gestire al meglio le nostre festività! Abbiamo fornito strumenti e istruzioni strategiche per festività natalizie tra divieti e distanziamento sociale! È inutile negarlo. Tra tradizioni cancellate, restrizioni sui viaggi, quarantene, tamponi e infinite ansie e stress, ci attende...

#NardoneLiveFacebook: una sessione di Counsel Coaching Strategico in diretta

Il counsel-coaching strategico in azione. Un ospite della diretta, Fabio, ha portato all'attenzione un suo problema/obiettivo: decidere quale sarà la sua "immagine", con cui relazionarsi agli altri e all'ambiente che lo circonda in generale. Un problema che si porta dietro da tanti anni, nei quali ha più volte provato a scegliere un'immagine, ma o non vi è riuscito oppure non è stato in grado di mantenerla nel tempo. Il coach strategico lo ha accompagnato in una prima sessione, nella quale si...

#NardoneLiveFacebook: Risolvere problemi in tempi rapidi con il Counsel Coaching Strategico

Risolvere problemi o raggiungere obiettivi? Il destino quotidiano di noi umani, in realtà, è proprio quello di risolvere problemi e raggiungere obiettivi, e abbiamo affrontato questi temi utilizzando l'approccio del modello breve strategico. Siamo partiti dall'analisi del problema e dalla definizione dell'obiettivo, per applicare poi le tecniche strategiche per i casi concreti. Analizzando il problema abbiamo risposto alle 5 domande che ci offrono le "coordinate" del problema stesso: cosa? come? chi? dove? quando? Per avere le idee chiare sulla situazione difficile che...

#NardoneLiveFacebook: Mente e corpo, come prendersene cura e stare bene durante le restrizioni

In questo quarto incontro abbiamo affrontato il tema “SIAMO MENTE E CORPO: COME PRENDERSENE CURA PER STAR BENE CON SÉ STESSI CON LE RESTRIZIONI COVID?” Ospiti dell’incontro professor Pier Antonio Bacci, opinion leader in Flebologia e Chirurgia Estetica e Christian Demelas titolare e docente di CHRISTIAN DEMELAS ACADEMY Personal Wellness e Coaching Sport, tecnico di cosmesi per la formulazione e protocolli estetici. Abbiamo scoperto che la bellezza è tutto ciò che ci fa “sorridere”. La bellezza, secondo il Prof. Bacci è...