Cavalcare la propria tigre

«Ognuno di noi» recita un motto cinese, «va a dormire ogni notte con una tigre accanto. Non puoi sapere se questa al suo risveglio vorrà leccarti o sbranarti.»
Con questa metafora la saggezza antica vuole ricordare la relazione che ognuno di noi ha con i propri limiti. Solo cercando di migliorarci costantemente possiamo renderci amica la nostra tigre, in quanto nessuno può evitare la peggiore e la più pericolosa delle compagnie: noi stessi.

  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Cavalcare la propria tigre

Autore: Giorgio Nardone
Anno: 2003    Lingua: Italiano

Editore: Saggi di terapia breve

L’arte dello stratagemma è un’arte antica, non solo perché è alla base di secolari tradizioni di saggezza, ma soprattutto perché appartiene agli esseri viventi: basta osservare animali e piante per registrare strategie di sopravvivenza, di difesa o di attacco. L’uomo ha semplicemente migliorato quello che da un’eternità la natura gli pone sotto gli occhi. L’intelligenza e la creatività applicate al coordinamento dei mezzi necessari per raggiungere uno scopo fanno parte di quella saggezza che da sempre guida – o dovrebbe guidare – gli esseri umani. Questa saggezza, però, va coltivata; le abilità vanno esercitate; le conoscenze approfondite.
In questo libro Giorgio Nardone racconta e analizza queste abilità attraverso le tre tradizioni fondamentali che utilizzano gli stratagemmi come strumenti essenziali per la realizzazione dei fini: quella greca dell’astuzia, l’arte cinese della guerra e quella retorica della persuasione. Per superare gli ostacoli e sciogliere inestricabili garbugli con orientale eleganza e, perché no, un pizzico di leggerezza.

Informazioni aggiuntive

Anno

2003

Autore

Giorgio Nardone

Collana

Saggi di terapia breve

Editore

Ponte alle Grazie

EAN

9788879286398

Lingua

Italiano

Pagine

112

Bibliografia del corso

Scuola Manageriale in Comunicazione, Problem Solving & Coaching Strategico

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Cavalcare la propria tigre”